Menu Chiudi

Ryuutama: la delicatezza orientale arriva in Italia

Da oggi (6 aprile 2020) Isola Illyon Edizioni ha reso disponibile la versione italiana di Ryuutama, interessantissimo titolo del panorama ruolistico moderno. Questo gioco nasce in Giappone grazie alla penna di Atsuhiro Okada, per poi arrivare in Europa e in tutto il mondo grazie alle localizzazioni in inglese, spagnolo, francese e ora anche nella nostra lingua.

La genuinità dell’avventura e della scoperta

La sensazione predominante è chiara fin da subito: la delicatezza. L’amore per le piccole cose e gli elementi mitologici della cultura nipponica la fanno da padrone, ma senza mai eccedere. Se dovessi fare un paragone con l’universo videoludico, Ryuutama mi fa venire in mente i classici JRPG (giochi di ruolo giapponesi) e in particolare le saghe di Dragon Quest e Final Fantasy; un mondo fantasy medioevale in cui la magia è diffusa e riconosciuta.

Anche le premesse risultano molto semplici e a loro modo romantiche; nella propria vita ogni persona sente il bisogno di viaggiare e conoscere nuovi luoghi e nuove creature. All’inizio i giocatori interpretano quindi semplici cittadini che decidono di partire all’avventura, in un viaggio alla scoperta del mondo ma anche di loro stessi. Non si ha quindi la sensazione di dover essere spietati sterminatori di mostri o maghi in grado di incenerire chiunque osi contraddirli.

Questo non preclude però nemmeno uno sviluppo del personaggio; egli, nel corso del proprio viaggio, può completare missioni e risolvere problemi così da poter crescere e potenziarsi. Ciò accade tramite la classica meccanica dei punti esperienza, dei passaggi di livello e del conseguente aumento di potere. Tutto ciò è espresso tramite un sistema di classi, anch’esse volutamente meno altisonanti di altri titoli, ma decisamente più romantiche: Menestrello, Mercante, Guaritore, Cacciatore, Artigiano, Contadino e Nobile. Gli autori hanno anche dato un’ulteriore caraterizzazione, permettendo di scegliere un ruolo all’interno del party per ogni personaggio (Leader, Cartografo, Quartiermastro o Cronista).

Ovviamente, come in quasi i tutti i GdR di questo tipo, la crescita avviene anche attraverso battaglie. Questo aspetto avvalora la mia tesi dell’ispirazione ai JRPG; i combattimenti avvengono a turni e i personaggi sono disposti su prima e seconda linea, ognuna con differenti vantaggi tattici.

Un mondo che offre sfide, ma senza mai accanirsi

Lo stesso narratore non deve essere invece visto come una minaccia, come “quello che controlla i cattivi”. Ryuutama gli affida un vero e proprio personaggio da gestire all’interno delle avventure, affinchè possa aiutare i giocatori quando sono in difficoltà. In particolare assume la forma di un Ryuujin, ovvero una mitologica figura uomo-drago.

La creazione di terre esplorabili non è vista come qualcosa di imposto dall’alto, ma come un processo collaborativo tra il Game Master e i giocatori. Le zone esplorate sono descritte insieme dalle due parti, segnando quanto viene detto su una scheda ad esso adibita. Questo però non vuole certo togliere ogni sfida dalle avventure; bisogna ad esempio occuparsi della gestione delle scorte per evitare che i viaggi subiscano complicazioni spiacevoli.

Ryuutama ha schede per ogni elemento di gioco da definire e, per farsi un’idea, queste sono scaricabili gratuitamente. In particolare sono presenti un diario di viaggio, una scheda di creazione del mondo, una scheda di creazione della città, una scheda degli eventi, una scheda del personaggio, una scheda del Ryuujin, una scheda dell’inventario, una scheda della battaglia, una scheda della mappa, una scheda delle note, una scheda delle scorte, una scheda della struttura della sequenza e varie schede degli obiettivi della sequenza (combattimento, recupero e viaggio). Anche queste sono semplici ma ben fatte; rimane da vedere se la gestione di così tante schede appesantisca il gioco o meno, ma questo lo scopriremo solo ruolando.

Ryuutama: il candore di un’opera fatta a mano

La stessa sensazione di delicatezza viene proposta anche attravrso uno stile grafico pulito, semplice, delicato, giocoso ma per nulla banale. L’impressione è quella di avere di fronte illustrazioni fatte a mano, con cura e amore. Personaggi belli, mai esagerati e in qualche modo anche teneri. Colori mai aggressivi e simili ad acquerelli, in grado di donare eleganza a ogni disegno. Solitamente non bisogna farsi catturare solo dal lato estetico, ma in questo caso vi assicuro che non è facile. Provare per credere.

Il Manuale Base in edizione cartacena è in formato B5 (17 x 24,5 cm) ed è composto da 244 pagine a colori con copertina rigida cartonata. Il volume contiene:

  • Il regolamento completo (sia per i giocatori che per il Game Master).
  • Una guida alle classi e all’avanzamento di livello.
  • Una sezione dedicata agli oggetti e all’equipaggiamento.
  • La presentazione della magia in Ryuutama.
  • Un capitolo sulla creazione del Ryuujin, l’alter-ego in-game del GM.
  • Un bestiario con le creature incontrabili e le loro statistiche.

Questo volume è già disponibile in copia fisica al prezzo di 35€, comprensivo anche di una copia digitale in PDF; in alternativa si può acquistare anche solo quest’ultima al prezzo di 20€.

Continuate a seguirci per scoprire di più su Ryuutama!

3 commenti

  1. Pingback:Spire – La città deve cadere: in Italia con Isola Illyon - No Dice Unrolled

  2. Pingback:Ryuutama: tra Natural Fantasy e JRPG | Recensione - No Dice Unrolled

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.